mercoledì 11 gennaio 2012

Ancora un po' di pazienza

(di nuovo)


Se passando da queste parti doveste riesumare qualche mio vecchio post dall’archivio, potreste trovarlo cambiato. O potreste non trovarlo affatto. Il motivo è presto detto: da una settimana circa sto revisionando i cento e rotti articoletti buttati giù più o meno a cazzo di cane nell’arco di questo anno e mezzo. Lo scopo è di sfoltire il blog eliminando:

  • cose melense;
  • cose inutili;
  • cose scadute;
  • altre cose;

Ciò che è rimasto non aderisce necessariamente ad un qualche standard qualitativo: non mi aspetto di migliorare la qualità media dei post eliminando gli esempi più imbarazzanti. O forse sì. A dire la verità mi sto ponendo il problema solo ora, scrivendone. Quando ho iniziato a fare le Grandi Pulizie di Natale non avevo in mente un obiettivo: c’erano alcuni testi che non mi piacevano più, tutto qui. Ho iniziato ad eliminare quelli, il resto è venuto più o meno da sé. Probabilmente c'è ancora molto da fare, ed il primo passo, ora, è fatto. 

È lecito aspettarsi che un blog rifletta gli umori del suo autore e quanto a questo io non mi sono certo lasciato sfuggire nessuna buona occasione, figuriamoci: ogni sbronza triste era il pretesto più o meno valido per sedersi e buttar giù qualcosa che avesse un sapore vagamente ispirato. E li per lì la cosa sembrava funzionare a meraviglia. Il problema è che le sbronze passano, mentre le stronzate restano.

Sia detto, a questo riguardo, che sbronza triste non va inteso in senso letterale. 

* * * 

Per quanto riguarda le sigarette: sono quasi a tre settimane, non ho ancora fumato ma fumerei.

* * *

Velocemente vi segnalo questo link, poi semmai ne riparliamo: Zerocalcare; e anche se è impossibile scegliere, vi suggerisco di cominciare con questa.