giovedì 14 novembre 2013

14 novembre




Quale migliore occasione per sbloccare la stasi granitica nella quale questo blog è impantanato da settimane e settimane? Non ho nemmeno parlato di Lucca, per dire. Nè di un mucchio di altre cose. Purtroppo il tempo è tiranno, e più ti avvicini ai quaranta, più questo tende a correre veloce. 

Ringrazio tutti coloro che si sono ricordati di questa data e che già a partire da mezzanotte hanno affollato il mio trascuratissimo whatsapp per farmi gli auguri. Il loro entusiasmo ha contribuito ad allentare la stretta delle tenaglie della mezza età. Ringrazio anche quelli che se ne sono dimenticati: a 39 anni comincia a non dispiacere l'idea di fare comunque finta di niente. 

Ci sarebbero tante cose di cui parlare, ma al momento non posso soffermarmi su nessuna di queste, nemmeno sulla tavola che fa bella mostra di sé in cima in questo post. A riguardo dirò solo che la tavola NON è stata disegnata da me, ma da un Autore del quale al momento sarà taciuto il nome; io ne ho realizzato solo il colore, tutto il colore, tutto ciò che non è nero o bianco, insomma. E' in formato A3 ed è stata fatta con acquerello, tempera, sangue&sudore, ci ho lavorato quasi una settimana (senza contare, va da sé, le solite false partenze o le versioni alternative etc.) ma il retroscena è lungo ed è il caso di essere anche scaramantici a riguardo, per cui per ora non fate domande e prendete la cosa un po' come viene. Limitatevi a dire che è meravigliosa, ve ne sarei grato. 



4 commenti: